Il Diamante

Filippo Barbacane e Millepercento per una gustosa e intrigante Guzzi naked futuribile ,tutta spigoli e potenza.






Commenti

  1. bell manichino...
    come al solito barbacane fa delle moto inutili e che possono stare solo sul cavalletto....

    RispondiElimina
  2. Non è vero , sa fare anche moto vere e questa è una di quelle

    RispondiElimina
  3. Sarà anche vera ma la forcella e le ruote (fresate) della gilera CX erano inadeguate anche per una 125. Figuriamoci per questa.

    RispondiElimina
  4. Superpantah ha capito esattamente cosa volevo dire...mettere l'avantreno dells cx ,con i cerchi
    così indeboliti, su una moto che pesa circa
    200 kg e monta un motore big bore da 140cv
    significa fare una moto inutile...
    Tra l'altro non ha avuto nemmeno l'accortezza
    di potenziare l'impianto frenante lasciando disco e pinza della gilera.
    Ma la cosa più triste è che vuole far credere
    che l'avantreno sia una sua creazione...

    RispondiElimina
  5. Dalla sospensione della CX ha tolto il pantografo dello sterzo e montato due guide scorrevoli (a mio avviso peggiorando le cose), e l'ha montata invertita per far tornare sullo stesso lato le ruote, infatti la pinza freno ora é davanti.
    Comunque di Barbacane di solito mi piacciono le moto fatte per girare davvero e quelle da corsa come quella fatta per il Tulla Team.

    Gli esercizi di stile sarebbe bene che venissero presentati come tali.
    Ciao :-))

    RispondiElimina
  6. L'unica cosa davvero triste è la gente come te che presa dall'invidia dice cose a caso.
    Io ho conosciuto Filippo su in fiera e ho visto la sua moto, bè appena chiesto della forcella la prima cosa che mi ha detto è "che nessuno inventa niente" e che lui l'aveva presa da una Gilera, e glielo sentito ridire decine di vole a chiunque glielo chiedeva mentre ero lì, quindi non è vero che lui diceva di averla inventata.
    Inoltre le moto che ha fatto lui girano tutte regolarmante, io vivo a Milano e ho visto la Zero andare in giro e lui stesso 2 anni fa ci è venuto al raduno a mandello.
    L'Anima, che è della stessa proprietaria del Tulla team va in giro sempre, e l'anno scorso l'ho vista anche a un raduno in germania con lei sopra.
    E questo vale anche per le altre moto, tranne per la Bellerofonte ad esempio , moto che lui ha sempre detto fosse un esercizio di stile fatto per divertimento.
    La kimera l'ho vista su una rivista durante dei giri in pista a vallelunga ,la Nemesis anche stava l'anno scorso al raduno a Mandello.
    Quindi evita di farti prendere dalla bile.
    La Diamante mi ha detto che è per un collezionista di Milano che voleva qualcosa di molto particolare anche se non fosse realizzata per girare in pista o per fare turismo.
    Non gli ho sentito dire mai che l'avesse realizzata come oggetto tecnico, anzi a un giornalista inglese stava proprio dicendo che era un "academic exercise".
    In tutti i casi ognuno la pensa come vuole, mi fa solo specie sentire che per screditare ci si inventi delle cose.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Stefano, io non volevo screditare nessuno. In generale le moto di Firestarter Garage mi piacciono, sia esteticamente sia perche vanno...
    Mi sono limitato a dire che questa in particolare non mi sembra gran che concreta, che poi funzioni, nel senso di andare in moto e marciare non lo metto in dubbio.
    Sono stato anche nel suo negoziofficina a Pescara, e l'ambiente é di quelli davvero eccitanti per un'appassionato.

    RispondiElimina
  8. io non parlo per invidia,ma mi baso sui fatti.
    Se Barbacane ammette di aver usato la forcella della cx buon per lui, ma nell'intervista a motoTV ha dichiarato che era un suo progetto...
    Sarà che io non condivido per niente la filosofia della moto come "esercizio di stile".
    Io AMO la moto, e la moto oltre che guardata va sopratutto guidata!!
    Per la cronaca anche la kimera non è utilizzabile, la ruota anteriore tocca nell'alternatore (probabilmente per girare in pista è stato rimosso) il che la rende inutilizzabile così come la bellerofonte e la rossopuro.
    Le altre moto non hanno niente di nuovo tecnicamente, ma hanno solo della modifiche estetiche che possono piacere o no.
    Gli "esercizi di stile" li può fare chiunque, io vorrei vedere delle moto innovative e che funzionino, tutto qua...
    Io con un'amico stiamo costruendo una guzzi da pista, il telaio lo costruiamo noi, avrà il cannotto regolabile è sarà metà in acciao e metà in alluminio, il forcellone sarà anch'esso in allumino,i collettori passeranno in mezzo ai cilindri e avrà tante altre cose mai viste su una Guzzi...ma sopratutto sarà funzionante, probabilmente la portiamo alla ducati speed week, forse con una gemellina.... ;)

    RispondiElimina
  9. E tu pensi che collettori tra i cilindri, telaio con cannotto regolabile, forcellone in alluminio e altro siano cose mai viste su una Guzzi?Mi sa che di ambiente Guzzi tu ne hai frequentato davvero poco, fatti un giro in Germania prima di dire di aver fatto cose innovative.
    Comunque prima di vantarsi di qualcosa, è bene farle vedere .
    Le moto di Filippo hanno fatto il giro del mondo davvero, ho visto pubblicazioni su riviste davvero specializzate dagli USA all'australia, russia, e tutta Europa, quindi non penso che siano cose così fatte tanto per, perchè questo vorrebe dire che nessuno ha capito nulla e tu tutto.
    Di gente come te che dice di fare questo e quello ne conosco a decine, poi chissà perchè al massimo se ne escono con una moto e basta senza nessuna continuità.
    Inoltre vorrei farti notare che gli esercizi di stile sono stati sempre la base e l'ispirazione per nuovi stili e nuove idee da che mondo e mondo, e se avessi un pò di cultura nel mondo del design e dell'automotive lo capiresti.
    Ora sono tutti bravi a fare special su base Guzzi, quando lui ha iniziato più di 10 anni fa non c'era nulla e nessuno in Italia, vidi la prima , la Ciclope, da lui in officina e fino all'ora su base Guzzi non sera mai vito nulla del genere.
    Io stesso presi esempio da lui e molti amici hanno iniziato a modificare Guzzi dopo aver visto cosa si poteva tirare fuori "anche" da una Guzzi.
    Oggi lo avevo chiamato per delle pedane che doveva spedirmi e gli ho raccontato queste due righe, lo sai cosa mi ha detto? di non prendermela, del resto non è che le sue moto possono piacere a tutti.
    Questo è Filippo e non uno che spara sentenze.
    Con questo finisco perchè mi sembra inutile in effetti.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. quotone a Stefano e il solito applauso al grande filippo.

    davvero stupenda, come sempre.

    RispondiElimina
  11. A me non piace per niente. Esteticamente la trovo troppo complicata, ed è un risultato piuttosto scontato quando si fanno moto "da salone". Tecnicamente quella sospensione anteriore a mio modo di vedere è semplicemente raccapricciante... :-)

    In ogni caso è la filosofia di base a non piacermi. La stessa che rivedo praticamente in tutte le moto fatte da Firestarter Garage: cose arzigogolate per il puro gusto di stupire. Secondo me l'esercizio di stile, nel campo moto, non ha nessuna ragione di esistere. Anche l'usanza di dare nomi esotici e particolari alle moto la trovo una americanata piuttosto discutibile...

    Però io non sono nessuno e non voglio che nessuno si senta offeso, ci mancherebbe. Però assimilo questo preparatore ai tantissimi che gravitano intorno al fenomeno chopper-custom, e sinceramente è un mondo che mi sembra anni-luce lontano dalla moto...

    RispondiElimina
  12. Come si dice "Parlate bene , parlate male ,purchè ne parliate" e i questo caso Filippo ha centrato il suo obiettivo .
    Am i suoi lavori piacciono e dalla special Kawasaki con il codino di un Liberty , il ragazzo di strada ne ha fatta tanto imparando un sacco di cose, quando saremo alla sua altezza potremo dare giudizi duri e definitivi , per ora limitiamoci ad osservare ed eventualmente a gradire ;-)

    RispondiElimina
  13. Scusate ma chi tanto critica ha mai avuto modo di parlare con lui?
    Io l'ho fatto in diverse occasione a anche altri miei amici appassionati non solo di Moto Guzzi.
    Bè non lo mai sentito vantarsi di essere un tecnico, ma di ritenersi un artigiano che ha la fortuna di fare il lavoro che ama, che le moto che fa sono espressione della sua creatività e che spesso si diverte semplicemente a farle senza pretendere chissà cosa.
    Quando parla si sminuisce sempre dicendo che non ha fatto poi chissà chè.
    E poi voi vedete solo quel che volete, ma tutte le moto che circolano tranquillamente in giro realizzate da lui?praticamente la maggior parte, La Nemesis, la Zero l'Anima,la Ottanta, la sport 12, la sport 24,la FSG004,l'S3,la Nibbio,ecc, praticamente tutte!
    E poi arzigogolate le sue moto?ma scherzate?se c'è una cosa per cui spesso piacciono a tutti e in special modo agli stranieri e proprio perchè sono semplicissime, senza nulla di inutile sopra, pulitissime nelle linie e prive di quasiasi accessorio inutile.
    E comunque se si ritiene che l'esercizio di stile non ha senso di esistere allora davvero devo ringraziare che non ci siano persone come voi a disegnare le moto altrimenti saremmo anchora fermi al cabballero.
    Sono proprio gli azzardi, spesso criticati e mal visti che poi negli anni hanno dato vita a qualcosa di innovativo, non parlo di Filippo in particolare, ma se eliminiamo tutto ciò che di strano e azzardato si vedeva nei saloni di 10 o venti anni fa ora saremmo fermi ancora chissà dove.
    Ben venga chi al contrario di voi ha il coraggio di sperimentare e diversificarsi, a essere banali e sempre uguali sono capaci tutti.
    Vai così Filippo!;)

    RispondiElimina
  14. Probabilmente sono stato frainteso...
    Io non sono contrario alle moto originali,strane, azzardate o come le vogliamo chiamare, io sono contrario alle moto finte.
    Che senso ha fare una moto che tecnicamente non funziona?
    Tra l'altro le moto di barbacane con qualche ulteriore modifica e un progetto ponderato potrebbero funzionare senza problemi, e se l'avesse fatto sarei stato il primo a congratularmi con lui.
    Io prendo come esempio Ferruccio Codutti.Lasciamo perdere il fatto che è un carrozziere/battilastra eccelso, lui realizza delle moto molto particolari ma sempre perfettamente funzionanti, a dimostrazione che l'originalità non deve pregiudicare la funzionalità.

    RispondiElimina
  15. Una critica motivata e non gratuitamente denigratoria di solito é costruttiva no? Se no a che serve commentare.

    RispondiElimina

Posta un commento